Storia

Fondata con Atto notarile il 22 ottobre 1988, l’Associazione Bresciana Cure Palliative ( ABCP ) è stata dedicata alla memoria di Maffeo Chiecca, definito dal sen. Mino Martinazzoli ( 2 aprile 1995 ) : “ nella sua modestia, nella sua discrezione, davvero un impareggiabile testimone della solidarietà, del servizio, dell’amore per il prossimo “ ; Maffeo Chiecca è stato infatti personalità importante e significativa della storia della vita sociale  del nostro territorio, nonché uno dei primi malati assistiti a domicilio nella fase finale di una malattia inguaribile.

L’Associazione “ Maffeo Chiecca “  è nata per attuare un programma di assistenza globale al malato inguaribile in fase avanzata e per aiutare la sua famiglia, in particolare, a reggere il carico di responsabilità, di fatica e di stress inevitabili nella gestione a domicilio dell’ultimo tempo della vita.

Dal 21 dicembre 1994 è iscritta nel Registro Regionale del Volontariato della Regione Lombardia al foglio n. 412, progressivo n. 1644 sezione A ).

Attraverso il lavoro volontaristico di sei medici del Servizio di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale Mellino Mellini di Chiari ( Rossana Fornari, Sandra Gaggini, Angelo Lazzari, Angela Pavani, Giuseppe Roverselli, Pierantonio Vassalli ) e di due infermiere professionali ( Luciana Buffoli ed Augusta Terraneo ) l’Associazione “ Maffeo Chiecca “ ha assistito gratuitamente a domicilio nell’arco di tredici anni, dal 1987 al 1999, oltre mille persone affette da malattie inguaribili e residenti nel territorio dei Distretti Socio-sanitari n. 6 Monte Orfano di Palazzolo sull’Oglio e n. 7 Oglio Ovest di Chiari.

Cessata l’attività assistenziale nel corso del 1999 per il venir meno degli operatori medici, a seguito della scelta di diverse sedi per la loro attività professionale e senza che le Istituzioni Sanitarie avessero trasformato per tempo un impegno volontaristico ( che aveva dimostrato nei fatti tutta la sua utilità ) in una attività istituzionalizzata ed adeguatamente strutturata, l’Associazione ha continuato ad esistere anche se, di fatto, non ha svolto attività.

Negli anni successivi il movimento delle Cure Palliative, che aveva operato in modo pionieristico e spontaneistico per tanti anni, ha avuto la forza e la capacità di imporre, nello scenario della Sanità Italiana e nell’agenda della Politica, la necessità di normare il diritto del cittadino malato di accedere alla terapia del dolore ed alle cure palliative : il 15 marzo 2010 il Parlamento, pressoché all’unanimità, ha approvato le Legge n. 38 “ Disposizioni per garantire l’accesso alle cure palliative ed alla terapia del dolore “.

Nel corso del 2014 i membri superstiti dell’ultimo Consiglio Direttivo eletto dell’Associazione Bresciana Cure Palliative “ Maffeo Chiecca “, convinti che, anche dopo la Legge 38, un’associazione di volontariato potesse svolgere un’attività utile per i malati e le loro famiglie, hanno deciso di tentare di far ripartire l’Associazione ed hanno programmato una prima serie di iniziative che avevano come obiettivi prioritari la ricostituzione di una base associativa numericamente significativa e, possibilmente, rappresentativa di tutto il territorio e l’aggiornamento dei suoi obiettivi ai cambiamenti normativi intervenuti a seguito dell’approvazione della Legge n. 38/2010. Ne è derivata la rinuncia ad ogni intervento diretto sul piano assistenziale ( demandato dalla Legge agli Enti erogatori accreditati ) e, viceversa, la riconferma di un impegno alla informazione  ( sui diritti garantiti dalla Legge al malato ed alla sua famiglia, sui servizi predisposti e disponibili per questi malati dalla Rete dei presidi del Servizio Sanitario e sulle procedure da attuare per ottenerli ) e di formazione di una più diffusa e matura cultura delle problematiche connesse con la gestione di una malattia inguaribile in fase avanzata e terminale e, più in generale, con il fine vita.

L’impegno di quel Consiglio Direttivo già in partenza voleva essere a termine, per arrivare nell’arco di sei mesi a favorire la nascita di una nuova base associativa e di una nuova dirigenza, attraverso, in particolare, un primo Corso di Formazione, utile a preparare nuovi soci ed a consentire un ricambio delle persone chiamate a reggere l’Associazione Bresciana Cure Palliative “ Maffeo Chiecca “ nei prossimi anni.

L’Assemblea dei Soci del 7 giugno 2015, indetta a seguito delle dimissioni di tutto il precedente Consiglio Direttivo, ha eletto Consiglieri i Soci : Anna Allegrini, Carlo Cavalleri, Angela Corna, Maria Rosa Corrà, Orsola Gaibotti, Angelo Lazzari, Cesare Massetti, Maria Teresa Oneda, Pietro Riva.

Nel corso del primo Consiglio Direttivo successivo alla nomina dei Consiglieri , come previsto dallo Statuto, si è proceduto alla nomina del Presidente, del Vice-presidente e del Segretario, nelle persone, rispettivamente, di Angelo Lazzari, Angela Corna e Maria Rosa Corrà.